it Italian en English
 

Contattaci ora

Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido

Inviando il seguente modulo, esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali. LEGGI L' INFORMATIVA

Valore non valido
Valore non valido

Cosa prescrive la legge

Ritenuta acconto 10%

La manovra correttiva di luglio 2011 (art. 23, comma 8 del decreto-legge 6 luglio 2011, n.98), ha ridotto dal 10 al 4% la ritenuta sui bonifici finalizzati all'ottenimento della detrazione del 36 e del 55%.


In precedenza l'articolo 25 del Dl 78/2010 disponeva che i pagamenti con bonifici, relativi agli interventi agevolabili di ristrutturazione edilizia previsti dalla legge 449/1997 (ovvero detrazione IRPEF 36%) e agli interventi di di riqualificazione energetica previsti dalle legge 296/2006 (ovvero detrazione IRPEF 55%, venissero assoggettati a ritenuta di acconto del 10%.
 

Come viene applicata la ritenuta di acconto

  • La banca (o anche l'ufficio postale) trattiene il 4% sull'importo del bonifico scorporato del 20% (ad esempio se un cliente paga una fattura di un lavoro per 12.000 euro, la ditta riceverà un accredito di 12.000 euro e parallelamente verrà effettuata una trattenuta di 400 euro)
  • La banca versa la ritenuta con il modello F24, utilizzando il codice tributo 1039, istituito con la risoluzione 65/E dell'Agenzia delle Entrate.
  • La ritenuta di acconto verrà certificata al beneficiario del bonifico entro il 28 febbraio dell’anno successivo.
  • La ritenuta di acconto sarà riportata in detrazione delle tasse da pagare nella dichiarazione dei sostituti d’imposta(modello 770).
  • Il provvedimento è stato emanato il 30/06/2010 da Attilio Befera, Direttore dell'Agenzia delle Entrate.

L'imponibile su cui applicare la ritenuta di acconto


La circolare 40/E
introduce infine nuovi chiarimenti sull'imponibile su cui calcolare la ritenuta di acconto.

Poiché le spese agevolate possono essere assoggettate sia ad IVA al 10% che ad IVA al 20%, per semplicità operativa si tiene sempre conto che alla fattura sia applicata l'IVA al 20%.


In questo modo la ritenuta di acconto del 4% si applica all'importo totale meno l'IVA al 20%.
 

Esempio:

  • Totale prestazione IVA inclusa: 12.000 euro
  • Togliere presunta IVA 20%: 2.000 euro
  • Imponibile per ritenuta: 10.000 euro
  • Totale ritenuta: 400 euro

 

Le pompe di calore, oltre a assicurarti un risparmio sulla bolletta fino al 70%, godono della detrazione IRPEF del 55%; se vuoi approfondire l'argomento, puoi trovare preziose informazioni ai seguenti links:

Rossato Group S.r.l
Sede operativa: Via del Murillo, km 3.500  -  04013 Sermoneta  LT  -  Italy
Sede legale: via Migliara 49, n° 9  -  04016 Sabaudia LT  -  Italy
Cap. Soc. € 119.900,00 i.v.  -  n. R.E.A. LT-107494  -  P.IVA-C.F. IT01745300598

Orari
Dal lunedì al venerdì
Mattino 8:30 - 12:30
Pomeriggio 13:30 - 17:30